Terremoto in centro Italia si poteva evitare?

terremoto AmatriceUn sisma di magnitudo 6.0 della scala Richter ha colpito l’Italia centrale nella notte. La scossa fatale è stata registrata alle 3.36 vicino ad Accumoli, in provincia di Rieti, a soli 4 chilometri di profondità. Il sisma è stato sentito distintamente da Rimini a Napoli. Un’altra scossa a Rieti ha avuto un ipocentro di appena un chilometro.

Ci sono purtroppo morti e feriti: bambini sotto le macerie, mentre il sito online della cosiddetta “protezione civile” è inaccessibile nel momento in cui dovrebbe funzionare. Lo stesso ente, però, aveva già acquistato i moduli abitativi. Preveggenza o calcolo degli effetti collaterali di qualche azione bellica sperimentale e non convenzionale? Dopo un intenso bombardamento elettromagnetico, ecco le catastrofiche conseguenze.

Effetti collaterali? C’entra forse qualcosa il programma segreto di aerosolchemioterapia bellica che la NATO – previo indottrinamento degli esperti civili – manda in onda dal 2002, a base di irrorazioni aeree di alluminio e bario che rendono l’aria maggiormente elettronconduttiva, in modo da consentire alle onde elf di colpire le faglie sismiche attive? Scie belliche e sciami sismici: un distruttivo connubio militare. C’è stato un boato. Che singolare coincidenza. Questo sisma è arrivato alla solita ora nel cuore della notte, come a L’Aquila il 6 aprile 2009, proprio come una bomba.

Tutti i terremoti su faglie attive, con ipocentro entro i 10 chilometri, sono “firmati”. Chi doveva recepire il messaggio cifrato avrà compreso? Un impulso che viene dall’alto coinvolgere la faglia più vicina alla superficie, come da brevetto Eastlund del 1987.

Crolli di edifici sono stati segnalati nel Lazio, nelle Marche e in Umbria. Le strade d’accesso a molti paesi sono bloccate. Un “sisma severo”, dalle prime informazioni ci sono stati “feriti e crolli importanti”, ha detto il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. Due vittime accertate – Due persone sono morte nel crollo della loro abitazione a Pescara del Tronto, una frazione di Arquata. Lo confermano i carabinieri. Si tratterebbe di una coppia di anziani coniugi, deceduti nello stesso crollo. Il sindaco di Amatrice, nel reatino, ha dichiarato che “metà paese non c’è più, la gente è sotto le macerie”.

La fantascienza ha superato di gran lunga e da un pezzo la realtà. I terremoti possono essere provocati anche dall’uomo con vari mezzi e sistemi, soprattutto in aree notoriamente a rischio sismico che spesso mascherano la reale dinamica dell’evento tellurico: esplosioni convenzionali e nucleari, iniezioni elettromagnetiche nella crosta terrestre, riscaldamenti ionosferici, ricerca ed estrazione di idrocarburi. Un terremoto indotto presenta distintamente un ipocentro superficiale.

Detto e fatto. Gli esperti istituzionali (Martelli e Gabrielli) l’avevano annunciato, ma non erano stati denunciati per procurato allarme. Ma se i terremoti non sono prevedibili, allora come facevano a saperlo con largo anticipo? Un territorio sismico di suo, privo di sovranità ed eterodiretto dall’estero, è un ottimo paravento per sperimentazioni di ogni genere. A livello locale, infine, una simile emergenza serve a rimpinguare gli affari illeciti con denaro pubblico.

Di Gianni Lannes

SOSTIENICI

In questo sito non c’è nessuno sponsor. Questo ci permette di essere completamente indipendenti e non influenzabili. Se apprezzi il nostro lavoro, puoi premiare il nostro sforzo con una semplice condivisione nei social network.

Puoi seguirci anche in radio qui

Questa voce è stata pubblicata in NWO, Scie chimiche e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.